top of page

Acerca de

  • Facebook
  • Instagram
  • Twitter
  • LinkedIn - cerchio grigio
  • YouTube - cerchio grigio
  • Tic toc

L'editoriale

Vito  Gadaleta - Rivista VITA.jpg

Cari lettori,

 

La primavera è il mese del risveglio della natura: i mandorli e i ciliegi con i loro fiori adornano di meraviglia i campi e le vallate. Le api fanno capolino per raccogliere il proprio nettare di fiore in fiore.

Ma cosa accade agli esseri umani?

Il dolce tepore che prende il posto del freddo inverno concilia il riposo e il sonno. Ma non sempre è colpa della natura secondo la Dott.ssa Simona Repetto: potrebbe anche essere una carenza di ferro nel nostro organismo. Meglio correre ai ripari con una buona alimentazione e soprattutto ricorrendo alla Naturopatia, come ci suggerisce nel suo articolo il Dott. Antonio Nuzzachi.

 

Le giornate si allungano e fantastici tramonti inebriano i nostri cuori, inondandoli di forti emozioni. Esse rappresentano il motore della nostra vita. Secondo la Dott.ssa Cristiana Rende, non esiste un giorno nella vita in cui non proviamo emozioni, anche quelle negative, come, ad esempio, ricevere una diagnosi nefasta: cancro. È qui che, secondo la Prof.ssa Maura Ianni entra in campo la resilienza, ossia reagire in modo costruttivo alle situazioni mettendo in campo fattori come l’ottimismo, l’autostima, l’umorismo, ecc..

La primavera ci fa apprezzare la laboriosità delle api ma…attenzione a non cadere nella sindrome dell’Ape regina. La Dott.ssa Lisa Di Giovanni, nel suo articolo, ci parla di questa sindrome che si manifesta soprattutto nell’ambito lavorativo, dove una donna leader (l’Ape regina), mostra la sua superiorità sulla altre donne, sue colleghe, annientandole invece di aiutarle.

La Dott.ssa Anna Palermo invece ci parla nel suo articolo di percorsi formativi integrati, dove per formazione s’intende incontro personale, valorizzazione delle diversità, ascolto ma anche accoglienza e solidarietà della giustizia sociale.

E per ritornare alla nostra bella primavera, Piero Meli ci racconta un meraviglioso viaggio tra i filari della natura, alla scoperta del gusto dei vini biologici.

Un numero che dà speranza, che ci insegna a prenderci cura di noi stessi mantenendo un buon rapporto con il nostro prossimo.

Buona lettura.

Vito Gadaleta

Direttore responsabile

bottom of page